Anche le cose più belle hanno una fine….

Anche le cose più belle hanno una fine Questa domenica finiamo la stagione invernale e vi auguriamo tutti una primavera soleggiata. Speriamo di rivederci in estate.

.

- 10 % di sconto presso l’impianto di risalita Rienza

Soggiornando presso il Cristallo nostri ospiti ricevono - 10% su un biglietto giornaliero presso l’impianto di risalita Rienza. Non perdete questa occasione ;)

Sito: http://www.ski-rienza.it/it/centro-sciistico/info/

Rienzlift

San Valentino…

Menu di San Valentino

Stasera il nostro Chef di cucina  Stefano sorprenderà i nostri ospiti con un menu particolare:

Tris di antipasti

Alici marinate algi agrumi di sicilia,

capesanta gratinata allo Champagne,

carpaccio di pesce spada con sedano e lacrime di melograno

————

Cuoricini degli innamorati con

mozzarella di bufala e pesto mediterraneo

————

Sorbetto con vodka e passion fruit

————

Spiedino di mare con salsa ardita alla zucca

oppure

Guancetta di vitello brasata al Cabernet

————

Patate novelle al rosmarino

Carciofi alla romana

————

Bavarese morbida al mango e melissa con fragole al cioccolato

Auguriamo a tutti innamorati una bella giornata e sera… :)

Valentinstag

Sfilata e ballo di carnevale a Dobbiaco

A Dobbiaco tutti in maschera il 12 febbraio. Sfila infatti lungo le vie del paese il Gran corteo di Carnevale. Tante maschere e carri allegorici che saranno premiati in piazza e tanto intrattenimento per i più piccoli con giochi e spettacoli. Non mancherà la musica.

Il corteo parte dalla stazione ferroviaria e arriva in piazza per la premiazione dei carri più belli. I festeggiamenti continuano poi nel tendone. Krapfen di carnevale per tutti i bambini.

La sera c’é il ballo di carnevale a San Silvestro.

Fasching

38°Gran Fondo Dobbiaco – Cortina: 30 km Skating & 30 km Classic

La Gran Fondo di sci nordico Dobbiaco-Cortina unisce l’Alta Pusteria con la perla dell’Ampezzano. Si tiene ogni anno il primo weekend di febbraio e segue la linea ferroviaria che era attiva fino al 1962.

Ogni anno partecipano alla gara circa 1500 atleti: il primo giorno si corrono i 30 km con tecnica libera con partenza a Fiames (Cortina d’Ampezzo) ed arrivo allo Stadio di fondo Nordic Arena (Dobbiaco), mentre il secondo giorno è dedicato ai 30 km della tecnica classica con Partenza allo Stadio di Fondo Nordic Arena (Dobbiaco) ed arrivo a Fiames (Cortina d’Ampezzo).

.

 

Monte di San Candido

La nostra escursione guidata con Albuin domani ci porta al monte di San Candido.

Dal borgo storico di San Candido (1175 m) andiamo lungo il fiume Drava oppure – secondo le condizioni del sentiero – saliamo direttamente alla trattoria Stauderhof (1463 m). Qui c’è la possibilità di fermarsi per una breve pausa. Da questo pendio soleggiato si vedono di fronte le Dolomiti di Sesto e il gruppo dei Baranci. Al maso Mehlhof – con una piccola cappella a fianco – si apre il panorama sulle famose Tre Cime di Lavaredo. Attraverso prati e boschi torniamo a San Candido.

Dislivello: ca.225 m

Tempo di percorrenza effettivo: ca. 4 ore

Unterkünfte in Innichen

Mostra “Indimenticata. La Grande Guerra nelle Dolomiti di Sesto”

1915-1918: Durante la Grande Guerra le Dolomiti di Sesto erano teatro di guerra di molti combattimenti. Oltre i 2.900 metri di quota ed in avverse condizioni atmosferiche, italiani e austriaci cercavano di difendere le proprie posizioni e di conquistare nuovi spazi. La guerra ha lasciato le sue tracce non solo in alta montagna, ma ha anche coinvolto la popolazione nella valle.

La mostra racconta:

– del significato della malga Anderter Alpe (campo base per i soldati austro-ungarici), le postazioni della Croda Rossa e Cima Undici,
– delle sfide logistiche,
– delle attività di costruzione svolte nel territorio alpino (costruzione di baracche, trincee, ecc.),
– dei duri mesi invernali in terreno innevato e soggetto a valanghe,
– della vita quotidiana di un soldato su un fronte alpino,
– delle battaglie che si sono verificate al passo della Sentinella, sulla Croda Rossa oppure sulla cima Undici e
– della popolazione di Sesto

Dove? Vecchia scuola elementare Sesto

Biathlon a Anterselva

A Valle Anterselva da un sacco di anni ormai è considerata la valle centrale del biathlon nell’Alto Adige.
Questo fine settimana potrete assistere da vicino alle diverse etappe ed esibizioni delle squadre di livello internazionale, sia femminile che maschile.

Inoltre, nel villiaggio Biatlon, vi aspettano l’intera durata della manifestazione diversi spettacoli e feste con musica al vivo ed intrattenimento per bambini! L’intero paese di Anterselva di Mezzo si trasformerà in una grande festa paesana: le vecchie stalle diventeranno rusticissimi bar e locali per passare le serate in compagnia.

Per tutti i gusti si troverà qualcosa, ne siamo certi!

.

„Arte d´inverno – sculture in neve“ a San Candido

Gli attrezzi: filo spinato, seghe e palette. L’equipaggiamento: stivali di gomma, paraorecchie e guanti. Tutore, si spera clemente, il tempo. Nel gennaio 2015, nella località altoatesina di San Candido, 30 artisti provenienti da tutto il mondo daranno vita al 25esimo Festival Internazionale delle sculture in neve.

La forma rappresentativa è tanto semplice quanto attrattiva per gli spettatori: negli angoli più suggestivi di entrambe le località verranno approntati dei giganteschi cubi (3x3x3 m) di neve pressata e ghiacciata con acqua.

Su questi cubi i 10 gruppi partecipanti daranno libero sfogo alla loro creatività e fantasia realizzando sculture uniche nel loro genere. L’acqua, che grazie alle rigide temperature invernali ghiaccia in un attimo, è l’unico elemento sul quale gli artisti potranno contare per plasmare le sculture con i loro attrezzi.

Il Festival si terrà dall´14 al 16 gennaio 2015 a San Candido e dal 19 al 21 gennaio 2015 a San Vigilio. Le sculture in ghiaccio, che potranno essere ammirate anche di sera grazie all’impianto d´illuminazione espressamente previsto, rimarranno al loro posto fino a quando, con l’approssimarsi della primavera, non si scioglieranno.

Escursione guidata – malga “Ascht” Val Casies

Oggi iniziamo la nostra ciaspolata in fondo alla Valle di Casies. Salendo per i prati raggiungiamo il maso con la cappella. Dopo l’attraversamento dell’abetaia arriviamo nei prati alti con il rifugio. Vediamo di fronte il Monte Croce Alta, Monte Bosco, Giogo del Bosco e perfino i monti pallidi di Braies assieme alla Croda del Becco con la sua parete nord inconfondibile.

« Older posts

© 2015 Diario

Theme by Anders NorenUp ↑