lug 22

L’imponente complesso fortificato, edificato dai signori von Taufers intorno al 1220, sovrasta maestoso il paese di Campo Tures. Gli edifici abitativi risalgono al XVI secolo, la torre ed il cammino di ronda al XV. Il castello di Tures dispone 64 ambienti, molti di essi rivestiti in legno ed arredati in modo accogliente. Particolarmente interessanti sono la sala d’armi, la biblioteca, la sala principesca, la sala del guidizio, il carcere e la camera della tortura, ma anche la stanza in cui si aggirebbe tuttora il fantasma della bella Margarethe von Taufers. Gli appassionati d’arte possono ammirare gli affreschi di Michael Pacher nella cappella del castello. Un sentiero meditativo di particolare suggestione é quello dedicato a San Francesco d’Assisi che parte dei Bagni di Cantuccio. Dieci stazioni meditative, corrispondenti al altrettante strofe del Cantico delle Creature, disposte lungo il percorso invitano alla sosta ed alla riflessione prima di raggiungere la cappella intitolata a S. Francesco e S. Chiara. La particolare suggestione del sentiero é dovuta anche alle imponenti cascate di Riva a fianco delle quali s’inerpica.

lug 18

La nostra escursione guidata oggi ci ha portato a Braies:

Il lago di Braies circondato da queste bellissime montagne è veramente un posto magico. Merita sempre un’escursione! Il lago con il suo colore particolare è un fantastico fenomeno naturale! Partendo dal lago di Braies saliamo per il “Buco del Giavo” alla malga Cavalli, dove ci fermiamo per una pausa pranzo. In seguito scendiamo a Ponticello.

 

lug 15

La storia della Grande Guerra sulla Croda Rossa è una storia di opere e di eventi incredibili e di soldati che sfidarono l’altitudine, il freddo, le valanghe e la solitudine. Furono costruite strade, teleferiche, magazzini, postazioni, camminamenti e gallerie.

Molte testimonianze lasciate sulla Croda Rossa sono ormai andate distrutte dall’alternarsi delle stagioni, della neve e dall’incuria del tempo. Altre però sono rimaste e ci raccontano oggi le prodezze dei soldati, la loro inventiva, le soluzioni tecniche e tecnologiche che trovarono in una guerra certamente unica nella storia dell’uomo.

L’associazione “Bellum Aquilarum ONLUS” di Sesto vuole salvare dall’oblio le testimonianze che sono rimaste.

Punto di partenza: stazione a monte della funivia Croda Rossa

Arrivo: malga Anderter – museo all’aperto

Dislivello: ca. 100 m

Tempo di camminata fino al museo all’aperto: ca. 45 minuti

Numero percorso: nr. 100

Percorribile: dall’inizio di giugno a fine ottobre (Attenzione: Gli orari della funivia trova sul sito www.s-dolomiten.com)

 

Freilichtmuseum

lug 12
Lago di Landro
icon1 Nadja | icon2 Generale | icon4 07 12th, 2014| icon3Nessun commento »
Veramente carino da vedere é il lago di Landro, offre una splendida vista sul Gruppo del Cristallo.

Poco distante dal Lago di Dobbiaco si trova il Lago di Landro, nell’omonima valle. Accessibile sia da Dobbiaco che da Cortina d’Ampezza da sud, il lago di Landro si presenta in un abito blu turchese ad un altitudine di 1,400 m slm. Anch’esso si trova al margine dei due parchi naturali Dolomiti di Sesto e Fanes-Senes-Braies.

Degno di nota però non è solo il lago di color turchese, ma anche la splendida vista sul Gruppo del Cristallo che il lago offre. Mentre i bambini giocano nel cuore della natura, i genitori preferiscono rilassarsi alle sponde del lago, ammirando le maestose montagne nei dintorni. Coloro che amano l’arrampicata possono invece sfogarsi nella palestra di roccia dall’altro lato della strada. Dal punto più alto possono gettare uno sguardo sul lago dalla prospettiva a volo d’uccello. Accanto alla strada si trovano alcuni posti macchina.

Il lago può essere circondato in una piacevole passeggiata. In confronto ad altri laghi a quest’altitudine, il Lago di Landro è considerevolmente più caldo e permette anche di rinfrescarsi nelle sue acque. Sull’estremità settentrionale del lago trovate una spiaggia ghiaiosa. Tuffatevi!

lug 10

Un vero gioiello non solo per San Candido, ma per tutta la Val pusteria é la Collegiata di San Candido, con la chiesa romantica e l’annesso convento. La chiesa risale al medioevo. La cupola e la volta sono successive al 1200, il campanile fu aggiunto negli anni dal 1323 al 1326, l’atrio intorno al 1415. Sull’ altare maggiore é posto un gruppo ligneo raffigurante la crocifissione in stile bizantino. Sul portale meridionale della chiesa si trova un rilievo ed al di sopra sono raffigurati i santi patroni Candido e Corbiniano. Altri preziosi tesori artistici della chiesa sono la rappresentazione del Cristo con i simboli dei quattro evangelisti sul portale meridionale, il monumento ai caduti di forma conica con i nomi dei caduti del paese, la cripta romanica nonché l’organo del XVII secolo con il suo corpo originale intagliato. Da metá giugno a metá settembre di venerdí si tengono visite guidate.

 

lug 8

Le Settimane Musicali Gustav Mahler si presentano nuovamente ricche di sorprese. Il programma offre, come negli anni precedenti, una serie di manifestazioni interessanti nonché concerti, conferenze e tavole rotonde di spicco.

 

Quando: 12/07/2014 – 27/07/2014

Dove: Grand Hotel, Dobbiaco

Regione: Alta Pusteria

 

lug 5

“Non è il fatto di librarsi in aria o il camminare sulle acque ad essere straordinario, bensì il camminare sulla terra”

Sul territorio della Provincia di Bolzano s’incrociano due grandi vie di Pellegrinaggio, il percorso da nord a sud verso Roma e da est a ovest il cammino verso Compostela. Indipendentemente dalla questione del percorso storico del Cammino di San Giacomo attraverso la provincia di Bolzano, numerose sono le testimonianze nel paese che attestano la devozione di San Giacomo come patrono dei pellegrini e viaggiatori. Venticinque sono le chiese e cappelle consacrate a San Giacomo, costruite principalmente su vecchi percorsi di commercio e valichi. Ospizi, monasteri e abbazie lungo le antiche rotte hanno dato ospitalità, aiuto medico e soprattutto sostegno spirituale a molti pellegrini e viandanti.

Tappa 1: Prato Drava – Monguelfo

Tempi di percorrenza:
Prato Drava > San Candido: 1 ¾ ore
San Candido > Dobbiaco: 1 ¼ ore
Dobbiaco > Monguelfo: 2 ½ ore

Lunghezza percorso: 25,1 km

Dislivello:
Salita: 371 m
Discesa: 397 m

Jakobsweg

lug 4

1995 ci fu lo sparo d’inizio gara della prima Dolomiti Superbike. 650 partecipanti stavano per affrontare questa sfida estrema e più della metà si cimentarono per la prima volta sulla distanza lunga che allora era stata definita su 105 km con oltre 3000 metri di dislivello. Gli altri 300 atleti scelsero di affrontare la più tranquilla distanza corta di 50 km con 1500 metri di dislivello. Oggi, come ieri, si presta particolare attenzione alla salvaguardia ambientale: pertanto, è permesso rifocillarsi solo nei diversi punti ristoro segnalati nel percorso; abbandonare qualsiasi tipo di immondizia al di fuori dei punti di ristoro comporta la squalifica; è vietato lasciare il percorso ufficiale della gara per ragioni di rispetto nei confronti del territorio.

Quando: prossimo fine settimana, 12 luglio 2014

Superbike

lug 1
Shopping serale
icon1 Nadja | icon2 Generale | icon4 07 1st, 2014| icon3Nessun commento »

Fra poco di nuovo: aperture prolungate dei negozi nelle ore serali e programmi di cornice animano d’estate numerosi centri urbani in tutto l’Alto Adige. Sono frutto dell’impegno di commercianti e prestatori di servizio in collaborazione con diverse associazioni e altri operatori economici.

Anche i negozi a Dobbiaco aprono una volta la settimana la sera , vedi qui la lista.

 

Abendshopping

giu 28

Questa domenica, 29 giugno si festeggia la festa di Sacro Cuore. In quest’occasione si ricorda la promessa solenne al Sacro Cuore di Gesù che risale al 1796, vista la mala parata delle truppe di Napoleone. Il prelato di Stam propose di mettere il Tirolo sotto la protezione del Sacro Cuore. Quando però Andreas Hofer, noto combattente per la libertà, vinse inaspettatamente la lotta al Bergisel contro le truppe francesi e bavarie, lui stesso rinnova la promessa data al Sacro Cuore e giurò fede eterna.

Sulle cime delle montagne, delle colline o delle piccole alture, i fuochi illuminano il cielo! Al calar della notte gli abitanti in occasione della festa accendono impressionanti fuochi per ricordare la promessa solenne. Un’atmosfera speciale Vi aspetta, non perdete questo evento.

Herz jesu

« articoli precedenti